Home  
  
  
    La pelle in gravidanza
Cerca

Bellezza in gravidanza
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

I cambiamenti della pelle in gravidanza

Durante la gravidanza, la pelle della mamma può essere messa a dura prova. Dalla maschera gravidica alle smagliature, scopri le piccole malattie della pelle della donna incinta.

La pelle in gravidanza
© Getty Images

La maschera gravidica

Si tratta di una pigmentazione predominante su fronte, guance, naso, labbro superiore tempie e zigomi. Tale imbrunimento è dovuto alla grande quantità di ormoni che ogni gravidanza comporta. Si presenta soprattutto nelle donne brune e in certi soggetti predisposti. L'unico trattamento è quello di proteggersi dal sole (schermo totale, cappelli…) durante la gravidanza e dopo il parto perché l'esposizione favorisce la comparsa di questo cloasma. Diminuisce entro 2 o 3 mesi dopo la nascita del bambino e un trattamento dermatologico può essere d'aiuto.

La prurigo gestationis

È una forma particolare di prurito gravidico che compare nel 2° trimestre della gestazione. Le lesioni si presentano come rilievi della pelle (papule), raggruppate e fittamente concentrate sugli arti, sull'addome e sul seno. La donna rimane in uno stato generale buono e tutto sparisce dopo il parto.

Le smagliature

Si tratta di piccole lacerazioni del tessuto posto sotto la pelle, quando è troppo teso sotto l'effetto dell'aumento di peso e dell'impregnazione ormonale. Le smagliature compaiono al livello dell'addome, delle cosce, dei glutei e dei seni.

Perlopiù legata alla prima gravidanza, la comparsa delle smagliature è dovuta principalmente alla qualità della pelle, nonché alla sua percentuale di collagene ed elastina. Si attenueranno spontaneamente 3 o 4 mesi dopo il parto, senza però sparire del tutto.

Vi sono prodotti utilizzati a scopo preventivo, ma tali creme sono poco efficaci e non esistono trattamenti miracolosi.

Pigmentazione dei seni e dell'addome

I tubercoli di Montgomery sono ghiandole sebacee situate intorno ai capezzoli dei seni. Tali ghiandole formano piccoli rilievi della pelle (papule) scuri e tondeggianti. Compaiono o aumentano di volume in stato di gravidanza.

Le areole dei seni si presentano più pigmentate durante la gravidanza, proprio come la linea centrale che va dall'ombelico al pube (linea nigra).

Dr. Lyonel Rossant, Dr.ssa Jacqueline Rossant-Lumbroso

Commenta
17/07/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto