Home  
  
  
    Mi sento svenire, perché?
Cerca

Come cambia il tuo corpo
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Mi sento svenire, perché?

Durante la gravidanza, potresti essere più soggetta ad abbassamenti di pressione che possono provocare stanchezza e svenimenti, soprattutto se soffri già di pressione bassa.

Mi sento svenire, perché?
© Getty Images

Durante la gravidanza, potresti essere più soggetta ad abbassamenti di pressione che possono provocare stanchezza e svenimenti, soprattutto se soffri già di pressione bassa. In effetti, sia il cambiamento ormonale, sia il metabolismo accelerato dovuto alla necessità di provvedere anche alla crescita del feto, provocano una messa in circolo del sangue con una maggiore velocità rispetto al normale, e quindi una accelerazione del battito cardiaco. Questa accelerazione, insieme al notevole peso preso durante i mesi di gestazione, provoca in gravidanza una fatica molto più grande del solito che incide, come in un circolo vizioso, sulla frequenza cardiaca e sulla pressione. E' consigliabile, quindi, affaticarsi poco, evitare di uscire quando fa molto caldo, mangiare cibi sani e facilmente digeribili e riposare molto. Ovviamente, il caldo può peggiorare la situazione, soprattutto se ci si trova già in una gravidanza avanzata. Quindi bevi molto per ripristinare i liquidi persi con la sudorazione, mangia molta frutta fresca, evita di vestirti con materiali sintetici e scegli le ore più fresche per uscire di casa.

Un’improvvisa perdita di coscienza

Per svenimenti, o sincopi, si intende uno stato improvviso e temporaneo di perdita di coscienza. Nelle fasi iniziali di un attacco sincopale, la donna in gravidanza viene pre-avvertita dell’imminente crisi da una sensazione di malessere, accompagnata da capogiri, vertigini e instabilità. La visione diventa confusa e possono comparire anche macchie scure davanti agli occhi. I suoni vengono percepiti come ovattati e si avvertono dei ronzii, definiti acufeni. Possono essere presenti anche nausea o vomito. Il viso appare pallido e imperlato da sudore freddo. Questi eventi possono verificarsi in rapidissima successione, tanto che la donna si accascia velocemente a terra priva di forze e di coscienza. In altri casi, invece, tutto avviene più lentamente e si ha, quindi, il tempo di mettersi sdraiata

Anche un disturbo alla volta

Non sempre, comunque, in gravidanza si arriva a perdere coscienza. Spesso, i capogiri restano isolati e non causano veri e propri svenimenti. Rappresentano comunque episodi spiacevoli, che provocano malessere e possono costringere a interrompere le normali attività.

Tutta colpa della pressione bassa

Capogiri e svenimenti si verificano quando, per vari motivi, si abbassa la pressione e si riduce la quantità di sangue che giunge al cervello. Durante la gravidanza un lievecalo di pressione è normale: nei nove mesi, i vasi sanguigni si dilatano a causa dei cambiamenti ormonali, del peso del feto e per il passaggio di una parte del sangue al nascituro. Il sangue, incontrando una minor resistenza, scorre con maggiore facilità, causando un abbassamento della pressione. Inoltre, in gravidanza possono comparire problemi circolatori, profonda stanchezza e anemia, anch’essi responsabili dei giramenti di testa e della perdita di coscienza

Cosa fare

Appena avverti la sensazione di svenimento, devi sdraiarti, tenendo le gambe sollevate rispetto al corpo e slacciare gli indumenti. Il ginecologo può consigliare di prendere durante tutta la gravidanza degli integratori a base di sali minerali per alzare la pressione. È importante anche bere molto, praticare un’attività fisica leggera e fare attenzione all’alimentazione.

Come prevenire gli svenimenti

Il fatto che sia un fenomeno normale durante la gravidanza non vuol dire che bisogna rassegnarsi passivamente a sopportare questo fastidio. In molti casi infatti, grazie ad alcuni accorgimenti pratici, possiamo provare a prevenire vertigini e capogiri.

Per prima cosa non dimenticare di fare spuntini frequenti e leggeri durante tutta la giornata, mangiando infatti almeno 5 o 6 volte al giorno ti assicuri sempre il giusto fabbisogno energetico senza affaticare la difficile digestione in gravidanza.

Durante la gravidanza inoltre le ghiandole sudoripare aumentano la loro produzione di sudore, dovrai quindi reintegrare i liquidi persi bevendo più acqua del solito (circa 2 litri al giorno) per mantenere la giusta idratazione.

Anche il riposo è molto importante per combattere i capogiri e per il benessere in generale della mamma e del bebè: fai attenzione al momento di andare a dormire a coricarti sempre sul fianco sinistro per favorire la circolazione sanguigna e il ritorno del sangue venoso verso il cuore.

Infine evita di effettuare movimenti bruschi, soprattutto alzandoti da letto, che potrebbero scatenare vertigini o capogiri per il rapido cambio di posizione che ostacola l'afflusso di sangue al cervello.

Commenta
19/01/2015

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto