Home  
  
  
    Come cambia il seno in gravidanza?
Cerca

Come cambia il tuo corpo
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Come cambia il seno durante la gravidanza e l’allattamento?

Tra i segnali più evidenti di una gravidanza c’è la trasformazione dell’aspetto del seno, che dura anche dopo aver partorito. Quali saranno i cambiamenti più importanti a cui andrai incontro? Come riconoscere eventuali segnali d’allarme? Scopri come vivere serenamente i cambiamenti del tuo corpo con Doctissimo!

Come cambia il seno in gravidanza?
© Getty Images

I primi cambiamenti del seno dopo il concepimento

Uno dei segnali più evidenti che ti fanno capire che sei in dolce attesa è la crescita del seno: questo si ingrandisce diventando teso, turgido e a volte dolorante. Attorno al secondo e terzo mese (in particolare a partire dalla seconda settimana dal concepimento) la sensibilità di questa zona del corpo è maggiore e l’areola che circonda il capezzolo si scurisce. È del tutto normale e non allarmarti se noti che questi primi cambiamenti non vanno di pari passo con la crescita anche del pancione: il seno viene stimolato dagli ormoni della gravidanza (estrogeni e progesterone) che nei primi mesi raggiungono livelli molto alti per permettere all’embrione di instaurarsi nell’utero, causando anche gonfiore al seno e fastidio. Gli stessi ormoni iniziano in questo periodo a dar luogo a sbalzi umorali tipici di una donna in stato interessante, da cui prendono spunto le migliori gag comiche in circolazione! Tranquillizzati e prendi coscienza che il tuo corpo sta cambiando per accogliere il tuo bambino nel migliore dei modi.

Le trasformazioni più evidenti del seno in gravidanza e nell’allattamento

Dopo il primo trimestre di gravidanza, il seno aumenta di volume in maniera piuttosto visibile e l’areola si scurisce di più: in questa fase i seni vengono maggiormente irrorati dal sangue, fenomeno visibile grazie alle vene più superficiali che si ingrossano. I dotti galattofori, dedicati al trasporto del latte materno, iniziano a svilupparsi e tutti questi processi naturali possono causare un fastidioso senso di costrizione. L’aumento del volume del seno può continuare per tutta la gravidanza e durare sino al periodo dell’allattamento, altro momento in cui prestare attenzione alla salute del proprio décolleté. Dal quinto mese possono poi comparire delle fuoriuscite di un liquido biancastro dai capezzoli, chiamato colostro. Questo è indice che la ghiandola mammaria sta lavorando in direzione della produzione del latte per il tuo bambino. Noterai infatti che le vene che circondano l’areola sono più spesse: i tubercoli di Montgomery (che rendono più morbida la pelle, lubrificandola) si fanno più sporgenti e sensibilizzano il capezzolo.

Quando allatti è importante mantenere un’igiene perfetta del seno, per evitare infezioni fastidiose per te e il tuo bambino ed evitare inoltre la comparsa delle ragadi. In questa fase il seno raggiunge le dimensioni massime, essendo ricco di latte, ed ha una consistenza più morbida e voluttuosa. Molte mamme, e molti mariti, apprezzano questo momento in cui la femminilità di una donna esplode, manifestandosi nel gesto più dolce e amorevole della natura umana.

In gravidanza scegli il reggiseno giusto

Nei nove mesi è consigliabile munirsi di un reggiseno più consono alle dimensioni lievitate delle mammelle, da scegliere in fibre naturali che consentano la traspirazione dei tessuti, già normalmente delicati e in questo momento ancora più sensibili. Ricorda che la misura va selezionata in base sia alle dimensioni del seno che a quelle del torace: le ossa si adattano ad una capacità polmonare maggiore, che si sviluppa a sua volta per compensare il fabbisogno di ossigeno tuo e del bambino. Misura con un metro da sarto le tue nuove circonferenze e scegli il sostegno perfetto chiedendo aiuto nei negozi specializzati; ricorda infine che è molto probabile che dovrai cambiare il reggiseno diverse volte durante i nove mesi, per seguire al meglio le trasformazioni del tuo corpo. Applica localmente delle creme o degli oli idratanti (karité o mandorle dolci) per scongiurare la comparsa delle smagliature: queste sono delle vere e proprie cicatrici del derma dovute ad un cedimento dei tessuti causato dall’ingrossarsi delle ghiandole mammarie. In seguito alla comparsa del colostro, è bene acquistare un reggiseno munito di coppette di cotone estraibili, che assorbiranno le perdite di siero e di latte, da lavare accuratamente.

Se invece le trasformazioni del tuo seno non risultano essere così evidenti, non preoccuparti: non tutte le donne sono uguali e lo scarso aumento di volume o un seno piccolo non incidono affatto sulla capacità di produrre il latte.

In ogni caso, non aver paura delle trasformazioni che il tuo copro sta subendo in questo momento così importante della tua vita. Se saprai prendertene cura, non ti ritroverai con un seno dai tessuti rilassati e riacquisterai presto un décolleté spumeggiante degno delle migliori scollature!

Commenta
04/01/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Gravidanza

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto