Home  
  
  
    L'angoscia in gravidanza
Cerca

Gli effetti collaterali della gravidanza
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

In gravidanza non ti angosciare!

La gravidanza è un periodo speciale, fonte di numerose angosce... Il corpo cambia, il ritmo di vita si modifica e compaiono piccoli disagi. Niente panico! Spesso non c'è nulla di cui preoccuparsi, e per di più lo stress non fa bene al bebè! Sei incinta… e il minimo cambiamento diventa fonte di stress? Non preoccuparti. Scopri tutti i nostri consigli per restare zen.

L'angoscia in gravidanza
© Getty Images

Evita lo stress durante la gravidanza!

Prima di tutto, è essenziale restare zen durante i nove mesi di gravidanza. Se qualche episodio di stress isolato non presenta rischi, uno stress cronico può avere ripercussioni sul bebè. Poiché l'ansietà provoca un abbassamento di progesterone, ormone essenziale per la gravidanza.
Alcuni studi hanno mostrato che l'esposizione allo stress poteva aumentare i rischi di complicanze come un parto prematuro o una preeclampsia. Lo stress durante la gravidanza potrebbe anche favorire l'iperattività dei bambini! Allora, resta calma!

Le false angosce della gravidanza

Per rimanere zen, bisogna cominciare smettendo di angosciarsi inutilmente, per problemi che non sono tali! Ecco una piccola carrellata di seccature che non devono stressarti:

I pruriti cutanei

I pruriti attorno al ventre sono molto tipici durante la gravidanza. Questi fenomeni possono accentuarsi man mano che si avvicina il termine. In effetti, la pelle non smette di tendersi mentre il ventre si ingrossa. La pelle così diventa più secca e sensibile, provocando una sensazione di prurito. Una buona idratazione con una crema nutriente può alleviare questi sintomi sgradevoli.

Attenzione comunque, durante il terzo trimestre, se i pruriti si allargano al resto del corpo, soprattutto al livello della pianta dei piedi e del palmo della mano, consulta il tuo medico, per eliminare tutti i rischi di colestasi gravidica.

Gravidanza e ansia: le perdite bianche

Molte future mamme conoscono bene questo fenomeno di perdite bianche. Queste abbondanti secrezioni vaginali sono certamente fastidiose ma sono del tutto normali. In questo periodo, il corpo produce molti ormoni per favorire la gravidanza. Questi comportano l’eccessiva secrezione di una sostanza viscosa e quasi trasparente da parte delle ghiandole vaginali e del collo uterino. Quindi, niente panico. Se le perdite sono colorate o sanguinolente, però, potresti avere un'infezione o un problema più grave. È imperativo consulta il tuo ginecologo.

Gravidanza e ansia: i dolori del basso ventre

Durante la gravidanza, i muscoli e i legamenti che sostengono l'utero si stirano. Questo fenomeno è generalmente alla base dei vostri dolori. Questo problema è inerente alla gravidanza, quindi è inutile preoccuparsi. Per attenuare le tensioni, puoi sollevare le gambe, piegare le ginocchia sul ventre o ancora allungarti sul fianco, con un cuscino sotto il ventre e un altro fra le gambe. Finché i dolori sono sopportabili e senza altro sintomo associato, sdraiati e approfittane per farti coccolare. Altrimenti, se i dolori sono accompagnati da febbre o sanguinamenti, contatta il tuo medico.

Gravidanza e ansia: la costipazione e le emorroidi

Una donna su due è interessata da problemi di costipazione durante la gravidanza. Questi possono essere spiegati con l'aumento della misura dell'utero, che provoca una pressione sul retto e impedisce le contrazioni intestinali. Inoltre, gli ormoni della gravidanza hanno la tendenza a rallentare la digestione e il transito.

Se questo stato si prolunga, potrebbe provocare la formazione di emorroidi, causa di disagio e dolori. Questi problemi di solito spariscono dopo la nascita. Per evitare questi disagi, si consiglia di mangiare alimenti ricchi di fibre e fare attività fisica. Infine, se non funziona nulla, il medico può prescriverti dei lassativi leggeri.

La stanchezza

Durante la gravidanza, la stanchezza è molto comune. Questo è infatti il periodo in cui il tuo corpo lavora di più. La sua concentrazione ormonale e il suo metabolismo cambiano. Per di più, il tuo tasso sanguigno di zucchero è al minimo, come la tua tensione arteriosa, poiché la circolazione sanguigna conosce dei cambiamenti. Niente di più normale che sentirsi a pezzi. Spesso a questa fatica si aggiungono tensioni muscolari. I massaggi possono ridurre le contrazioni e alleviare i dolori. Per lottare contro lo stato di apatia, mangia correttamente, fai un sonnellino quando puoi, organizzate il tuo impiego del tempo...In breve, riposati e occupati di te stessa.

I crampi

I crampi improvvisi al livello delle gambe possono comparire durante la giornata e si moltiplicano la notte man mano che avanza la vostra gravidanza. Sono fastidiosi ma non gravi e sono generalmente dovuti all'aumento del peso sui muscoli delle gambe. I crampi possono anche essere provocati da un eccessivo livello di fosforo nel sangue o al contrario da una mancanza di calcio. Infine, una volta che l'utero si è ingrandito, questo esercita una pressione maggiore sui nervi degli arti inferiori.

Per combattere questi crampi, stira i polpacci, evita di rimanere in piedi a lungo, e muovi regolarmente le caviglie e le dita dei piedi. Puoi anche consumare alimenti ricchi di calcio e magnesio.

In generale, questi fenomeni sono dunque benigni e non richiedono la consultazione del medico. Ma se veramente sei assalita dai dubbi, non esitare a contattare il ginecologo o la tua ostetrica, che sapranno rassicurarvi. Potrai allora vivere una gravidanza serena, per la felicità di mamma e bebè.

Emmanuelle Jost

Commenta
08/08/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto