Home  
  
  
    Lo spermiogramma
Cerca

Indagini mediche ed esami in gravidanza
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Lo spermiogramma

Se una coppia ha problemi di fertilità, entrambi i partner devono sottoporsi nello stesso periodo ad un test che ne stabilisca il livello. Poiché l’ovaio presenta un’attività ciclica, per la donna la valutazione può essere effettuata soltanto in determinati periodi del mese e deve essere ripetuta per più cicli. L’esame dello sperma dell’uomo non presenta invece alcuna limitazione periodica.

Lo spermiogramma
© Getty Images

L’analisi dello sperma rappresenta l’esame più importante per la valutazione della fertilità maschile. Lo spermiogramma misura con precisione parametri come il numero degli spermatozoi, la loro motilità, misura e forma, il volume dello sperma, nonché il dosaggio di determinate sostanze generalmente presenti nel liquido seminale.

Il modo particolare nel quale lo sperma viene raccolto in ambiente ospedaliero è fonte di imbarazzo per alcuni pazienti. Con questo articolo intendiamo aiutarti a compiere questo passo e fornirti degli strumenti per aiutarti a decifrare i risultati del tuo spermiogramma.

Prendere il toro per le corna

La raccolta viene perlopiù effettuata in laboratorio, attraverso la masturbazione. L’esame dovrà essere preceduto da tre giorni di astinenza sessuale. Lo sperma viene raccolto in un contenitore sterile fornito al paziente. E’ indispensabile che l’analisi venga effettuata su un campione fresco, ossia nel corso delle due ore successive alla raccolta.

L’uomo è solo in una stanza isolata. L’esame è certo piuttosto imbarazzante ma, a differenza di alcuni esami ai quali devono sottoporsi le donne, per niente doloroso. Come abbiamo già avuto modo di vedere, il test di fertilità comporta analisi per entrambi i partner, dovrebbe perciò essere motivo di reciproco sostegno.

Per evitare che lo spermiogramma si trasformi in un’impresa epica o in una mission impossible, puoi farti accompagnare dalla tua compagna. Una presenza che non potrà non esserti d’aiuto, soprattutto se consideri che l’ambiente medico non è certo dotato di una carica erotica travolgente.  

Comunque, non preoccuparti, l’accoglienza è quasi sempre calorosa e l’équipe medica comprende perfettamente il tuo imbarazzo.

Dopo il test, tu e la tua partner sarete fieri di esservi finalmente decisi: avrete compiuto un altro passo in avanti verso la concretizzazione del vostro amore, che vi farà sentire ancora più vicini e domani, quando ripenserete a questo episodio, sarete capaci di sdrammatizzarlo e di riderci sopra.

Definizione di sperma “normale”.

Un buon sperma è uno sperma che contiene un numero sufficiente di spermatozoi normali in grado di fecondare un ovocito se sussistono le condizioni  ottimali.

Per controllare la qualità dello sperma, i biologi hanno a disposizione due test principali, dei quali il primo e più importante è lo spermiogramma. Del secondo, il test di Huhner,  parleremo nel prossimo capitolo.

Quale che sia il risultato del primo esame, i valori presentati dallo spermiogramma devono essere confermati da test successivi ripetuti a intervalli prima di due, poi di tre, poi di un mese, prima di poter essere definiti patologici.

Un’analisi di sperma normale deve valorizzare i parametri seguenti: volume, viscosità, numero di spermatozoi per ml, mobilità un’ora dopo e tre ore dopo l’eiaculazione, analisi della morfologia degli spermatozoi e analisi di alcune sostanze presenti nel liquido seminale.

La tabella seguente fornisce i valori normali dei parametri di uno spermiogramma:

Parametri

Valori normali

Volume

Superiore o uguale a 2,0 ml

pH

Tra 7,2 e 8,0

Concentrazione degli spermatozoi

Superiore o uguale a 20 x 106/ml

Numero totale degli spermatozoi

Superiore o uguale a 40 x 106/ml

Mobilità (1 ora dopo l'eiaculazione)

Superiore o uguale al 50% della mobilità progressiva

Mobilità (3 ore dopo l'eiaculazione)

Superiore o uguale al 30% della mobilità progressiva

Morfologia

Superiore o uguale al 50% della morfologia normale

Vitalità

Superiore o uguale al 75% degli spermatozoi viventi

Leucociti

Inferiori a 106/ml

Zinco

4-14 µmol/eiaculazione

Fruttosio

25-103,9 µmol/eiaculazione

Carnitina

0,8-2,85µmol/eiaculazione

Possibili patologie

Più i risultati dell’esame si allontaneranno dai livelli definiti normali, meno fertile sarà lo sperma. Possono essere riscontrate le seguenti patologie:

  • Oligorspermia: concentrazione insufficiente di spermatozoi nel liquido seminale. La concetrazione è definita insufficiente se inferiore a 20 milioni per ml;
  • Astenozoospermia: mobilità insufficiente degli spermatozoi;
  • Teratozoospermia: spermatozoi normali in proporzione troppo debole. In alcuni casi estremi, il campione esaminato può presentare una combinazione di tutte e tre le patologie citate: si parla allora di oligo-asteno-terato-spermia (OATS);
  • Azoospermia: assenza assoluta di spermatozoi nel liquido seminale;
  • Necrozoospermia: nessuno degli spermatozoi presenti nel campione esaminato è vivo;
  • Emospermia e piospermia: presenza, rispettivamente, di sangue o pus nel liquido seminale;
  • Iperspermia e ipospermia: il volume degli spermatozoi è, rispettivamente, superiore a 6 ml o inferiore a 2 ml.

Esiste poi un altro esame che permette l’analisi dello sperma: si tratta del test di Huhner o post-coital test. Permette di studiare il comportamento degli spermatozoi nel muco cervicale subito dopo un rapporto sessuale. Oltre all’esame dello sperma, il test di Huhner consente la verifica della consistenza del muco durante l’ovulazione.

David Bême

Commenta
02/08/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto