Home  
  
  
    Lo sviluppo dall'ovulo al bambino
Cerca

Lo sviluppo fetale
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Come l’ovulo diventa bambino

Dalla scomparsa delle mestruazioni al momento del parto, il corpo della donna è il luogo di una miriade di trasformazioni, visibili e invisibili.

Lo sviluppo dall'ovulo al bambino
© Getty Images

Come si fa a sapere di essere incinta?

L'assenza di ciclo mestruale è, in genere, il primo segno di una gravidanza. I test di gravidanza, semplici da usare, si acquistano in farmacia senza prescrizione del medico. Dopo aver superato di alcuni giorni la data prevista di inizio delle mestruazioni, una donna può far ricorso o farsi prescrivere dal proprio curante un esame del sangue. Il test di gravidanza acquistato in farmacia non è rimborsabile, mentre l'esame del sangue prescritto dal medico lo è.

Dall'inizio della gravidanza, la placenta libera nel sangue l'ormone HCG (gonadotropina corionica umana), eliminato poi attraverso le urine. Sensibile a questo ormone, la linea del test cambia colore a contatto con l'urina, rivelando così una gravidanza. L'analisi del sangue è in grado di rivelare la presenza di questo ormone direttamente nel sangue, risultando quindi più affidabile.

Le trasformazioni del corpo della futura mamma

Trasformazioni esterne

Durante la gravidanza, il rapporto delle donne con il corpo cambia completamente: alcune preferiscono nascondere le "rotondità" indossando indumenti larghi, mentre altre ostentano con fierezza il loro pancione: a ogni donna la sua forma di civetteria! Perché una donna incinta, se accetta le trasformazioni che avvengono nel suo corpo, ha un fascino strepitoso!

La pancia inizia ad arrotondarsi solo verso il quarto mese. Ma i seni si gonfiano e diventano più pesanti già all'inizio della gravidanza; le areole si allargano e si scuriscono.

La futura mamma avverte spesso un'insolita stanchezza, accompagnata da nausee mattutine: questi sintomi scompaiono alla fine del terzo mese.

Talvolta, manifestazioni cutanee come l'acne o il cloasma gravidico, detto anche "maschera della gravidanza", accompagnano la gestazione. Alcune donne gonfiano in viso o alle gambe in seguito a problemi circolatori.

Trasformazioni interne

La placenta si sviluppa man mano che il feto cresce, fino al settimo mese, e pesa 500 grammi al termine della gravidanza. Organo a tutti gli effetti, la placenta è una zona di scambio tra la madre e il bambino in via di formazione.

Durante la gravidanza, l'utero si dilata per lasciar posto alla crescita del feto. Al terzo trimestre, l'utero preme a tal punto sulla vescica da costringere la futura mamma a urinare in modo frequente.

Al termine della gravidanza, il collo dell'utero si distende per prepararsi al parto. Le contrazioni uterine, che hanno avuto inizio dal settimo mese, diventano più frequenti, ma rimangono indolore.

Basteranno tre settimane perché il cuore dell'embrione cominci a battere.

Dopo sei settimane, ha le dimensioni di un acino d'uva: gli occhi, le braccia e le gambe sono già in via di formazione.

All'ottava settimana comincia a muoversi. Fluttuante nel liquido amniotico, il feto si nutre attraverso la placenta a cui è legato dal cordone ombelicale.

Nel quarto mese di gestazione, pesa 140 grammi e diventa feto. La crescita accelera.

Durante il terzo trimestre, aumenta di peso; si sviluppa il cervello. Il feto è ricoperto da una sottile peluria. Si sposta con la testa verso il basso, in vista della nascita.

Al nono mese, raggiunge una dimensione di 50 cm ed è pronto per venire alla luce.

Il controllo della gravidanza

Oggigiorno, la gravidanza è altamente medicalizzata allo scopo di diagnosticare qualsiasi problema che riguardi il feto o la madre. La futura mamma deve sottoporsi a regolari esami del sangue, ad analisi delle urine e a visite ginecologiche: ci si accerta che non soffra di anemia, si tiene sotto controllo la pressione arteriosa e si monitorano le condizioni dell'utero. Deve evitare di fumare, perché il tabacco è tossico e, in particolare, aggrava i rischi di dare alla luce un bambino prematuro. Le vengono anche dispensati consigli nutrizionali.

Attraverso le ecografie (tecniche radiologiche che impiegano gli ultrasuoni), è possibile osservare la crescita del feto, individuare possibili malformazioni e, all'occorrenza, scoprire il sesso del nascituro. L'amniocentesi è una procedura che consiste nel prelievo transaddominale di liquido amniotico dalla cavità uterina per la diagnosi della trisomia 21 e di altre malattie genetiche, attraverso l'esame dei cromosomi. Se necessario, questa procedura consente anche di effettuare ulteriori analisi, in particolare la ricerca di segni di infezioni nel feto.

Marianne Chouchan

 

Commenta
20/12/2011

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto