Home  
  
  
    Pranzi di Natale incinta
Cerca

Settimane di gravidanza
Sviluppo del feto
Gravidanza mese per mese
Dieta in gravidanza
La dieta in gravidanza
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Cosa mangiare a Natale in gravidanza?

In gravidanza, sono molti i divieti alimentari che possono impedirti di goderti le cene e i pranzi del periodo natalizio. E inoltre, spesso gravidanza rima con difficoltà a digerire... Ecco alcuni consigli per dei menù delle feste adatti ai pancioni.

Pranzi di Natale incinta
© Getty Images

Salmone affumicato, spumante, creme e farciture? No, no e poi no! Ma come goderti le feste di fine anno, dal punto di vista gastronomico? Ecco gli alimenti da non metterti nel piatto e i trucchi per festeggiare serenamente!

Aperitivo senz’alcol

Le bevande alcoliche sono vietate alle donne incinte. Quindi niente vino e spumante, anche se ti sembrano leggeri e fruttati! L’alcol è molto tossico e, quando ne bevi, passa nel tuo sangue e in quello del bimbo. Le conseguenze dell’alcolismo della madre possono essere un aborto spontaneo oppure la sindrome alcolica fetale, che si manifesta attraverso varie malformazioni congenite. Quindi meglio evitare di cedere alla tentazione.

Alcuni suggerimenti per brindare in compagnia: acqua frizzante, bibite gassate, succo di frutta, birra analcolica, spumante per bambini...

Nota bene: le bibite gassate possono aiutarti a lottare contro le nausee, ma non esagerare, in quanto, in compenso, aumentano i reflussi e la senzazione di gonfiore. Per quanto riguarda i succhi di frutta, non esagerare in quanto anch’essi aumentano l’acidità gastrica.

Per quanto riguarda i vari stuzzichini che accompagnano generalmente l’aperitivo, fai attenzione. Stai attenta prima di tutto a tutti i tramezzini che contengono della maionese, del pesce crudo (marinato o affumicato), della tarama o della carne cruda (marinata o sotto forma di paté o di salume, ad esempio) per evitare di incappare in listeriosi e toxoplasmosi, infezioni che possono avere conseguenze gravi sul bambino.

Alcuni stuzzichini senza rischi per l’aperitivo: verdura cruda in pinzimonio (di olio e aceto o salsine senza uovo crudo), facendo attenzione a lavarla e sbucciarla accuratamente, frutta secca, patatine e salatini vari (in piccole quantità in quanto anche se non fanno male al bimbo, sono pieni di grassi e di sale), tramezzini di verdure, spiedini di pollo, wurstel e senape... 

Un antipasto selezionato con cura

Ostriche, carpaccio, salmone affumicato: questi piatti compaiono spesso sulle tavole natalizie, ma aumentano i rischi di listeriosi. Per quanto riguarda il foie gras tanto in voga oltralpe, è pieno di inconvenienti: difficile da digerire, ricco di vitamina A (sconsigliata in gravidanza), spesso conservato male... Se proprio ci tieni, mangiane quantità limitate e compralo confezionato. Per quanto riguarda il salmone affumicato, meglio essere molto prudenti. Se proprio lo vuoi mangiare, cerca del salmone pastorizzato*. Niente panico, rimangono tantissime possibilità per goderti il pasto!

Alcune idee per un antipasto natalizio autorizzato:

  • Gamberetti, scampi, aragoste, serviti freddi e accompagnati da burro e pane integrale oppure tiepidi con una salsa allo yogurt piccante e verdure alla griglia. Fai comunque attenzione alla freschezza dei prodotti e cuocili correttamente;
  • Cozze o capesante gratinate con prezzemolo e aglio;
  • Terrina di pesce, di pollo o di verdure;
  • Fagottini alla carne macinata e ai pinoli, cotti al forno;

Piatti tradizionali a volontà

Tutti i tipi di carne e di pesce sono autorizzati se ben cotti o grigliati. Tacchino, cappone, selvaggina, salmone, merluzzo: tutti questi ingredienti possono finire nel tuo piatto senza problemi! Ti raccomandiamo tuttavia di alleggerire al massimo la preparazione per evitare di ingerire troppe calorie, ma soprattutto per digerire più facimmente.  

Consigli: cuoci il pesce al cartoccio, farcisci il cappone con delle verdure (per sostituire i salumi non autorizzati), cuoci le verdure al vapore e condiscile con un po’ d’olio d’oliva. Evitare i piatti pronti, meglio cibi cucinati in casa!

Per finire, se vuoi mangiare dei funghi, evita quelli raccolti da sé... non si sa mai, meglio privilegiare quelli acquistati in negozio, controllati e sicuri.

Un dolce senza uovo crudo!

I principali pericoli per quanto riguarda il dolce si trovano nell’uovo crudo e nel latte conservato male. Meglio evitare il gelato (se non sei sicura di come sia stato conservato), le creme, le mousse, i pasticcini farciti e i tronchetti natalizi. In compenso, via libera a tutto il resto: torte, plum-cake, panettoni, macedonie e chi più ne ha più ne metta! Non dimenticare che la tua digestione è più lenta, quindi meglio non sovraccaricare il piatto.

I nostri consigli: Mettendoti nel piatto delle piccole quantità eviti la frustrazione senza provocare nausee e indigestioni...
Se hai voglia di un caffè per finire il pasto e rimanere in piedi fino al momento di aprire i regali, non esitare! La caffeina può essere problematica se ne consumi dosi troppo elevate (più di tre tazze al giorno).

Bevi a sufficienza!

Un trucchetto: ogni volta che i commensali bevono un bicchiere di vino, versati un bicchiere d’acqua minerale. Eviterai così di ingozzarti e di addormentarti a tavola: inoltre, l’acqua fa diminuire la nausea e i bruciori di stomaco, oltre a migliorare il transito.

Buon appetito e buone feste a tutte!

* Ciononostante, l’AFSSA (Agence française de Sécurité Sanitaire des Aliments), nell’ottobre del 2002 ha ricordato che le donne incinte devono essere prudenti per quanto riguarda il pesce. Infatti, i pesci consumano gli agenti inquinanti scaricati in mare, e questi possono contaminare l’uomo. Capita soprattutto con i pesci di grosse dimensioni, che ingeriscono i pesci più piccoli aumentando quindi la concentrazione di sostanze tossiche. Per questo motivo l’AFSSA consiglia di limitare il consumo di orata, pesce spada, squalo o tonno alle donne incinte, che allattano, e ai bambini piccoli.

Yamina Saïdj

Commenta
21/12/2015

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Gravidanza

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto