Home  
  
  
    Gravidanza in piena salute
Cerca

Settimane di gravidanza
Sviluppo del feto
Gravidanza mese per mese
Dieta in gravidanza
Gravidanza sicura
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Per una gravidanza in salute

Come essere la migliore delle mamme… sin dalla gravidanza? Adottando qualche semplice misura per proteggere la salute del bambino. Le autorità pubbliche hanno appena lanciato una campagna per ricordare che è indispensabile mangiare meglio e smettere completamente di bere e di fumare. Ricapitolazione delle cose da sapere per passare nove mesi in piena forma.

Gravidanza in piena salute
© Getty Images

L’Istituto Superiore di Sanità ha coordinato varie campagne di informazione rivolte alle donne incinte, al fine di fornire loro alcuni punti di riferimento essenziali. Obiettivo: far aumentare il consumo di vitamina B9 ed evitare totalmente alcol e tabacco.

Viva la vitamina B9

Quando si è in attesa, un’alimentazione varia ed equilibrata è in genere sufficiente a garantire tutti i fabbisogni del bebè. Esiste tuttavia un rischio di carenza: il deficit di vitamina B9 (chiamato anche acido folico o folato). La metà delle donne in età fertile soffrirebbe di carenze di vitamina B9! Questa è fondamentale per la formazione del sistema nervoso del nascituro. Una carenza aumenta quindi i rischi di malformazioni, soprattutto della spina bifida (anomalia di chiusura della colonna vertebrale). Tali apporti devono essere adeguati sin dai primi giorni di gravidanza e almeno durante le prime quattro settimane dopo il concepimento. In teoria bisognerebbe evitare le carenze già prima di concepire un bambino! Ecco perché, oltre a un’alimentazione ricca di verdure a foglia verde, gli specialisti consigliano l’assunzione di integratori alimentari già durante i due mesi che precedono la messa in cantiere di un figlio, e per tutto il primo mese di gravidanza.

Dove si nascondono i folati?

Oltre all’integrazione che può prescriverti il medico, è importante aumentare gli apporti di vitamina B9 attraverso l’alimentazione. I tuoi principali alleati? Frutta e verdura!

Tasso

Alimento

Elevato
(da 100 a 200 microgrammi/100 g)

Spinaci, crescione, cicoria, tarassaco, valerianella, melone, frutta secca (noci, castagne, ceci...)
Formaggi stagionati (brie, ecc.).

Medio
(da 20 a 100 microgrammi/100 g)

Altre verdure a foglia verde (lattuga, indivia, cavolo, porro, carciofo), fagiolini, piselli, radicchio, asparagi, barbabietole, zucchine, avocado, lenticchie, carote, pomodori, cipolla, zucca, mais, peperone, agrumi, banana, kiwi, frutti rossi, datteri, fichi, uova, altri formaggi, patatine fritte, pane.

Basso
(da 5 a 20 microgrammi/100 g)

Cetriolo, sedano, melanzana, funghi, olive, patate, riso, pasta, latticini freschi, carne, pesce, mele, pere, prugne, pesche, albicocche.

Nota: il lievito è una fonte importante di vitamina B9, ma non ne assumiamo in quantità sufficienti perché sia di qualche utilità. Anche il fegato costituisce una fonte importante ma non è consigliato in gravidanza.

Neanche una goccia di alcol!

Le autorità sanitarie ricordano inoltre una regola che non tutte le donne incinte conoscono: durante la gravidanza è fondamentale astenersi dal bere, non è ammesso neanche un bicchiere di alcol. L’alcol attraversa facilmente la barriera placentale e può influire sullo sviluppo cerebrale del bambino. E questo vale anche se bevete solo un bicchiere di tanto in tanto. Un semplice paragone può essere fatto con le leggi in vigore del codice della strada: un autista "normale" può eventualmente bere un bicchiere, ma un conducente di mezzi pubblici non può bere neanche una goccia d’alcol! Questo vale per tutta la durata della gravidanza.

Rinuncia al fumo

Naturalmente la sigaretta è nemica della gravidanza. Il fumo durante la gravidanza rappresenta un fattore di rischio certo di gravidanze extrauterine, di aborti spontanei e di diverse anomalie nello svolgimento della gravidanza: prematurità più o meno grave, ritardo di crescita intrauterina, morte fetale in utero, ecc. Eppure un terzo delle donne incinte tra i 18 e i 35 anni continua a fumare. Bisogna dunque smettere prima di concepire un bambino (o smettere e basta, anche se non si sta pianificando una gravidanza). Se non ci riesci, sappi che non è mai troppo tardi per rinunciare alla sigaretta e sappi anche che le donne incinte possono utilizzare sostituti della nicotina. Parlane al tuo medico di fiducia, oppure chiama Il Telefono Verde contro il Fumo (TVF) e consulta la nostra sezione speciale per smettere di fumare. Se non sei una fumatrice la cosa ti riguarda lo stesso: anche il fumo passivo è una minaccia per la salute. È dunque importantissimo evitare gli ambienti dove si fuma (per esempio i bar o alcune serate). E non esitare ad allontare il papà… almeno per il tempo in cui fuma la sua sigaretta!

Seguendo queste semplici raccomandazioni, garantirai già una buona partenza al tuo futuro bambino!

Alain Sousa

Commenta
20/07/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Gravidanza

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto