Home  
  
  
    Il sesto mese di gravidanza
Cerca

Settimane di gravidanza
Sviluppo del feto
Gravidanza mese per mese
Dieta in gravidanza
La gravidanza mese per mese
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Il sesto mese: dalla ventunesima alla ventiquattresima settimana

Siamo oltre la metà della gravidanza ed il traguardo è sempre più vicino. L'utero è lungo quasi 25 cm ed occupa tutta la parete addominale ed, anche nelle donne in cui fino ad ora la pancia era soltanto un leggero rigonfiamento, inizia ad espandersi verso l'esterno. Potreste sentirvi più stanche ed assonnate del solito, approfittate del riposo di cui potete godere ora perché una volta entrate nell'ultimo trimestre dormire sarà sempre più complicato.

Il sesto mese di gravidanza
© Getty Images

Sesto mese: la ventunesima settimana

Il feto è lungo circa 25 cm ed il peso si aggira intorno ai 300-350 grammi. L'udito è completamente sviluppato e il bambino distingue la vostra voce tra le altre e prende familiarità con quelle delle persone che vi stanno intorno.

L'intestino è quasi completamente sviluppato ed il piccolo ingoia continuamente liquido amniotico per stimolarne l'attività. Spesso, per questo motivo, gli verrà il singhiozzo e voi sarete in grado di sentirlo con precisione. Quando i singhiozzi sono molto forti dovrebbe essere possibile sentirli dall'esterno, appoggiando una mano sulla pancia.

Altri consigli e articoli sulla ventunesima settimana di gravidanza

Sesto mese: la ventiduesima settimana

Il bambino è ormai formato ed ha l'aspetto di un piccolo neonato. La sua pelle però è tutta raggrinzita perchè si sviluppa più rapidamente dello strato di grasso sottostante. Il corpo è interamente ricoperto da una sostanza viscida chiamata “vernice caseosa” e da una fine lanugine. Gli occhi sono sviluppati ma le palpebre restano chiuse ermeticamente.

A partire da questa settimana potreste notare l'insorgere di gonfiore ed infiammazione alle gengive. E' una buona idea fare una visita di controllo dal dentista in modo tale da valutarne lo stato ed effettuare una leggera pulizia manuale dei denti.

Altri consigli e articoli sulla ventiduesima settimana di gravidanza

Sesto mese: la ventitreesima settimana

Da questo punto in poi, la crescita del bambino potrà essere molto diversa da una gravidanza all'altra. Entrano in gioco i fattori genetici che caratterizzano il nuovo essere umano in arrivo e lo rendono diverso da tutti gli altri. Le misure che leggerete da ora in poi sono soltanto indicative e potrebbero non corrispondere a quelle del vostro bambino.

In generale la lunghezza del feto è di 29 cm per 400 grammi di peso.

Anche il vostro seno inizia a prepararsi all'arrivo del piccolo e le sue dimensioni sono in costante aumento.

Altri consigli e articoli sulla ventitreesima settimana di gravidanza

Sesto mese: la ventiquattresima settimana

Il secondo trimestre è quasi al termine. Le cellule cerebrali del bambino iniziano a maturare ed il piccolo inizia a produrre i primi pensieri. Anche il gusto è perfettamente sviluppato, il liquido amniotico assume di volta in volta lo stesso sapore di quello che voi mangiate ed il bambino impara così a riconoscere i diversi gusti. Non è detto che li gradisca tutti: se lo sentite particolarmente agitato dopo aver mangiato qualcosa di diverso dal solito, probabilmente non gli è piaciuto. Iniziano a crescere i capelli e si completano le ciglia.

I polmoni iniziano a produrre alcune sostanze che permetteranno agli organi di espandersi ma non sono ancora in grado di funzionare fuori dall'utero.

Altri consigli e articoli sulla ventiquattresima settimana di gravidanza

Sesto mese: è importante sapere che...

La pancia cresce sempre più ed è il momento, se non lo avete già fatto, di prendervi cura della vostra pelle. Che scegliate di usare una crema o un olio poco importa, la cosa fondamentale è essere costanti e idratare la pelle due volte al giorno da adesso fino al primo mese dopo il parto.

Dal seno potrebbe uscire un liquido bianco simile al latte. Si tratta del colostro che prepara le ghiandole mammarie alla produzione del latte vero e proprio dopo la nascita del bambino. E' una cosa normale anche se fastidiosa in quanto dovrete indossare delle coppette assorbi-latte per evitare di bagnare i vestiti quando siete in pubblico. In casa invece cercate di restare con il solo reggiseno addosso in modo tale da non irritare i capezzoli. L'utilizzo del reggiseno in gravidanza è molto importante, aiuta i muscoli pettorali a non cedere troppo sotto il nuovo peso del seno. Sarebbe meglio acquistare un paio di reggiseni in fibra naturale e senza cuciture con una fascia dorsale alta e rinforzata.

E' il momento di prenotare un posto al corso pre-parto dell'ospedale in cui pensate di partorire e se ancora non avete scelto la struttura dovete sbrigarvi a farlo.

I corsi per futuri genitori sono importanti per conoscere le ostetriche e gli ambienti della struttura in cui partorirete e sono una valida fonte di informazioni e rassicurazioni su tutti gli aspetti legati al travaglio ed alle prime ore di vita di vostro figlio.

Vita a tre

Con l'aumento della pancia solitamente crescono anche i timori della coppia di poter nuocere al bambino durante l'atto sessuale (anche se si tratta di una preoccupazione principalmente maschile).

Nel caso di una gravidanza sana e senza rischi, questi dubbi sono assolutamente infondati. Certo, se prima avevate dei rapporti particolarmente “selvaggi” forse è il caso di avere un approccio più delicato, senza per questo rinunciare alla fantasia ed alla passione.

Sfera sessuale a parte, dalla ventunesima settimana in poi anche il papà inizia ad interagire con il bambino attraverso la voce ed il contatto con la pancia della mamma.

E' importante creare dei momenti della giornata in cui iniziare a far conoscere il piccolo al futuro padre. Ci sono numerosi libri che suggeriscono esercizi da fare insieme ma non occorre essere degli esperti per appoggiare la mano sul ventre della mamma ed ascoltare il bambino muoversi.

Commenta
26/09/2011
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto