Home  
  
  
    Prendo la pillola ma sono incinta
Cerca

Settimane di gravidanza
Sviluppo del feto
Gravidanza mese per mese
Dieta in gravidanza
Il test di gravidanza è positivo
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Prendo la pillola ma sono incinta: com'è potuto succedere?

Prendere la pillola contraccettiva e rimanere incinta: è possibile? La risposta è: “Sì, può succedere”. Capita che la pillola non sortisca il suo effetto a causa della cattiva informazione che circola riguardo questo metodo.

Prendo la pillola ma sono incinta
© Getty Images

Prendere la pillola contraccettiva e rimanere incinta: è possibile? La risposta è: “Sì, può succedere”. Capita che la pillola non sortisca il suo effetto a causa della cattiva informazione che circola riguardo questo metodo. Cerchiamo di capire come si può rimanere incinta nonostanze l’assunzione del farmaco

Prendo la pillola ma sono incinta: le cause

Sono molte le cause che determinano il fallimento della pillola contraccettiva. Ad esempio:

  • Dimenticare saltuariamente l’assunzione della pillola
  • Sospenderla improvvisamente senza alcuna ragione
  • Assumerne un dosaggio errato

Cos'è la pillola e come impedisce di rimanere incinta?

Una pillola è un farmaco che contiene due ormoni. Viene presa una volta al giorno. Ci sono 21 o 28 compresse per confezione che vanno assunte, rispettivamente, per 21 o 28 giorni di fila (dipende dalla pillola). In tutti i casi ogni 28 giorni si inizia una nuova confezione. Le pillole a 21 compresse prevedono una settimana di sospensione. Durante questo periodo, in genere, la donna è protetta da eventuali gravidanze se ha dei rapporti sessuali non protetti. Spesso durante questa settimana di sospensione compaiono dei sanguinamenti vaginali che ricordano le mestruazioni. Stai tranquilla perché non è anormale. Quando si prende le pillole da 21 compresse non è necessario fare la settimana di sospensione. Un concetto deve essere chiaro per fare in modo che la pillola funzioni: prenderla senza interruzione ne aumenta l’efficacia.

Perché la pillola va presa tutti i giorni?

Gli ormoni contenuti nella pillola sono efficaci solo per 24-30 ore. Dopo questo periodo vengono degradati ed eliminati. Così "trasformati" non riescono più a "far addormentare" l’ipofisi. È per questo motivo che la pillola è efficace solo se viene presa tutti i giorni. Prenderla allo stesso orario non è importante ma può aiutarti a ricordare “l’impegno”.

Se non hai mai preso la pillola?

Se non ha mai preso la pillola, ricordati che ci vogliono sette giorni perché l’ipofisi si addormentati completamente. Una volta che l’ipofisi è completamente addormentata ci vogliono otto o nove giorni consecutivi, senza prendere la pillola, perché si risvegli. Ecco perché dimenticarsi di prendere una pillola è particolarmente problematico all’inizio della confezione, piuttosto che a metà di una confezione o alla fine. Se si rispetta la sospensione di sette giorni fra una confezione e l’altra, l’ipofisi non riesce a risvegliarsi.

Ricorda

Le pillole a basso dosaggio ormonale non sempre riescono a bloccare l’ovulazione. In questo caso si limitano a rendere il collo dell’utero impenetrabile agli spermatozoi. Ecco perché la dimenticanza di una pillola di questo tipo può concludersi con una gravidanza. Anche alcune pillole combinate a basso dosaggio non riescono a bloccare l’ovulazione. Questo è vero soprattutto nelle donne giovani. Perché una pillola sia efficace deve essere:

  • Adatta a chi la prende
  • Presa in maniera regolare
  • Fare poche interruzioni

Cosa compromette l’efficacia di una pillola?

Una donna di meno di 25 anni ovula con più facilità rispetto ad una di 35. È per questo motivo che le pillole a baso dosaggio sono sconsigliate alle donne giovani.

Tuttavia, se le pillole con un po’ più di ormoni si dimostrano le più efficaci nelle donne giovani, hanno più inconvenienti nelle donne con più di 40 anni. La pillola deve essere adatta alla donna che la prende e al suo profilo ormonale. Riassumendo:

  • il dosaggio della pillola deve diminuire con l’aumentare dell’età
  • se hai meno di 25 anni la tua prima pillola non deve essere una pillola a basso dosaggio ormonale
  • la pillola “migliore” per te è quella che rispetta il tuo profilo ormonale dandoti meno problemi

Commenta
19/01/2015

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto