Home  
  
  
    La gravidanza e le voglie
Cerca

Settimane di gravidanza
Sviluppo del feto
Gravidanza mese per mese
Dieta in gravidanza
Le voglie in gravidanza
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Cosa sono le voglie in gravidanza?

Si sa, le donne incinte hanno voglia di fragole… o, a da quello che si legge nei forum, di mostarda, cioccolata, hamburger… L’elenco è lungo! Insomma, i loro gusti cambiano e all’improvviso hanno voglia di un cibo ben preciso. Si tratta di capricci o di esigenze vere? Come trattarle? Facciamo il punto con il dott. Luc Bodin*. Da quando sei incinta ti assalgono voglie improvvise: crauti, frutti rossi, ketchup…. Ognuna ha le sue fissazioni e i suoi modi per soddisfarle il più rapidamente possibile! Ma perché tanta golosità e tutta questa impellenza? Meglio controllarsi? Approfondiamo.

La gravidanza e le voglie
© Getty Images

Le voglie delle donne incinte: molteplici cause

Non esiste nessuno studio scientifico che spieghi in modo preciso il fenomeno delle voglie in gravidanza. I medici, tuttavia, ipotizzano varie origini possibili:

  • Lo sconvolgimento ormonale della gravidanza. Secondo il dottor Luc Bodin, "gli ormoni della gravidanza provocano uno squilibrio a livello neurotrasmettitore: i gusti cambiano e si sviluppa l’odorato". D'altronde, l'attrazione o il disgusto verso un alimento in particolare (spesso per il caffè) scompare dopo la gravidanza.
  • I disturbi digestivi. Le nausee, ma anche i reflussi acidi, si placano quando si mangia spesso (ecco perché a volte si tratta di bisogni urgenti), soprattutto alimenti che non disgustano e che accelerano la digestione. È il caso per esempio di spezie come il pepe, degli agrumi e di tutti gli alimenti a base di aceto: mostarda, cetriolini... Anche i pasti dei fast-food hanno la particolarità di essere digeriti velocemente. Da qui la voglia matta di cheeseburger alle dieci di sera…
  • L'instintoterapia. Ovvero l’appetito naturale delle future mamme per nutrimenti di cui il loro organismo ha bisogno. Esempi: carne rossa in caso di carenza di ferro o latticini per il calcio.
  • Lo squilibrio emozionale. "La gioia di diventare mamma, l’attesa, ma anche l’ansia e la fatica legata a questa nuova situazione o al parto possono generare il bisogno di compensare e di ricaricarsi con alimenti zuccherati", ammette lo specialista dell’alimentazione del cervello. Oltre alle voglie di pasticcini e cioccolato, succede che le future mamme si rivolgano verso alimenti gratificanti, in particolare quelli della loro infanzia: biscotti, gelati e altri dolciumi.
  • Non poterne più delle diete dimagranti. Molte donne considerano la gravidanza una parentesi, un momento in cui hanno il diritto e anche il dovere di lasciarsi un po’ andare. Per una volta, cedono senza sentirsi in colpa davanti alla vetrina della panetteria.
  • La voglia di coccolarsi. Si tratta di quello che gli uomini chiamano teneramente i "capricci delle donne incinte". Dato che la gravidanza non è sempre rose e fiori e che i divieti pesano sul morale (in particolare smettere di fumare), alcune future mamme si rifanno con i piaceri della tavola.

Qualche astuzia per limitare i danni

  • Se preferisci gli alimenti acidi, mantieni un’alimentazione varia ed equilibrata per evitare carenze e rischi di disturbi digestivi;
  • Per quanto riguarda gli alimenti grassi e i dolci, di tanto in tanto cedi pure alla tentazione, una volta a settimana, per esempio. Per il resto del tempo, sgranocchiare un frutto o bere un bicchier d’acqua ti aiuterà a resistere più facilmente e a contenere l’aumento di peso;
  • Inventa ricette light in base alle tue voglie. Esempio: l’hamburger fatto in casa con del pane ai cereali, carne magra tritata, pomodoro, insalata e maionese light.

E per finire ricorda: le mamme che si sono arrese alle voglie durante la gravidanza non hanno dato alla luce femminucce invece che maschietti, oppure bambini diversi o con macchie sulla pelle (angiomi), come credevano le nostre nonne! In compenso, una volta adulti, questi figli avranno forse la loro precisa opinione sul piatto preferito dalle loro mamme, che sarà stato servito loro per ben nove mesi…

Lucie Emile

* Luc Bodin è medico generico e autore del libro Bien nourrir son cerveau (Nutrire bene il proprio cervello), Edizioni Dauphin, 253 pagine).

Commenta
24/07/2012
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto