Home  
  
  
    Ferite post parto, come curarle
Cerca

Il tuo corpo dopo il parto
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Le ferite post parto: come curarle

Le ferite da episiotomia e parto cesareo possono essere fastidiose. Le prime cure per medicarle vengono fatte in ospedale. Una volta a casa, con qualche attenzione e accorgimento, è poi possibile accelerare la guarigione di queste due ferite.

Ferite post parto, come curarle
© Getty Images

Le ferite da episiotomia e parto cesareo possono essere fastidiose. Le prime cure per medicarle vengono fatte in ospedale. Una volta a casa, con qualche attenzione e accorgimento, è poi possibile accelerare la guarigione di queste due ferite.

Nel caso di episiotomia

I punti di sutura vengono di solito riassorbiti in 5-6 giorni. Spesso, però, il fastidio e il dolore dovuti all’incisione si acutizzano poco prima che la ferita si rimargini completamente, perché il taglio è situato in un’area in cui i liquidi possono accumularsi nei lembi della ferita. La pelle perciò risulta un po’ gonfia e tesa e può presentare piccoli ematomi, con il risultato che i punti danno più fastidio. Nei primi giorni dopo il parto è normale provare fastidio e un po’ di dolore. Le ferite possono bruciare al passaggio dell’urina, ma il dolore andrà a diminuire a mano a mano che la ferita si rimargina. Ecco come prendersi cura della ferita e accelerarne la guarigione.

  • Lava il perineo con acqua tiepida due volte al giorno. È possibile utilizzare anche polveri disinfettanti specifiche, prescritte dal ginecologo, da diluire nell’acqua del bidet. Asciuga bene la zona, perché l’umidità rallenta la guarigione, tamponando la parte delicatamente con un asciugamano morbido ed evitando di sfregare.
  • Per agevolare il processo di guarigione può essere utile collocare apposite salviettine tra l’assorbente e la ferita dell’episiotomia. Per alleviare il fastidio dei punti, poi, puoi applicare impacchi di ghiaccio e una crema analgesica.
  • Se i punti sono molto fastidiosi, siediti su un salvagente o un anello di gomma.

Nel caso di parto cesareo

In genere, la neomamma che ha partorito con il cesareo viene dimessa dall’ospedale 4 giorni dopo l’intervento e dopo una visita ginecologica di controllo. I punti della ferita possono essere rimossi proprio durante la visita o, in alternativa, qualche giorno dopo. Il medico fornisce tutte le indicazioni necessarie su come medicare la ferita da sola a casa. Una volta eliminati i punti esterni, la ferita è perfettamente chiusa, anche se può apparire ancora gonfia e di colore rosso scuro: con il passare del tempo, comunque, la cicatrice si noterà sempre meno, diventando invisibile. Ecco qualche utile indicazione in merito alla disinfezione della ferita:

  • Cerca di non bagnare la ferita almeno per una settimana, evitando per esempio di immergerti nella vasca o di fare la doccia: meglio lavarsi a pezzi.
  • Nella prima settimana dopo il parto, pulisci la cicatrice utilizzando una garza sterile imbevuta di euclorina (un disinfettante leggero) diluita nell’acqua.
  • Asciuga la cicatrice con dolcezza, tamponandola con un asciugamano morbido e pulito, senza sfregare.
  • Ricopri la ferita con una garza asciutta trattenuta da un cerotto per evitare che possa venire a contatto con i vestiti.
  • Evita di esporre la cicatrice al sole: potrebbe scurirsi in modo permanente per un processo di fissazione della melanina.
  • Non esitare a telefonare all’ospedale o al tuo ginecologo se noti strani arrossamenti o secrezioni di liquido giallastro provenienti dalla cicatrice: potrebbe trattarsi di un’infezione.

Commenta
04/05/2010
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto