Home  
  
  
    Neo mamme al mare
Cerca

Il tuo corpo dopo il parto
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Neo mamme al mare

Il periodo subito dopo il parto è molto delicato sia per la neo mamma che per il neonato. Spesso si pensa che sia meglio trascorrere i primi mesi dopo la nascita di un bambino nella tranquillità della propria casa.

Neo mamme al mare
© Getty Images

In realtà, secondo molti pediatri e ginecologi, non vi sono controindicazioni particolari ad un cambiamento d'aria, anche subito dopo il parto. Una bella vacanza al mare insomma, potrebbe rivelarsi estremamente salutare per mamma e bebè, a patto di osservare alcune semplici regole per evitare malesseri e spiacevoli contrattempi.

Neo mamme al sole

Nelle settimane successive al parto, l'esposizione al sole può essere un vero e proprio toccasana per la pelle della neo mamma. Anche dal lato psicologico, il potersi stendere al sole dopo le fatiche della gravidanza, aiuta le neo mamme a rilassarsi ed evitare l'insorgere di una possibile depressione post parto. Le uniche regole, sopratutto se si allatta il bambino al seno, sono quelle di evitare il topless e di esporsi al sole soltanto negli orari meno caldi. Niente sindrome della lucertola quindi, perlomeno non dalle 11 alle 16.30.

Anche se prima della gravidanza utilizzavate creme solari con un basso fattore di protezione, dopo il parto è consigliabile passare ad una crema più potente: almeno con fattore 30. Questo perché il corpo non ha ancora eliminato del tutto gli ormoni della gravidanza che potrebbero provocare sgradevoli macchie sulla pelle in seguito ad una non protetta esposizione al sole. Attenzione sopratutto al viso, sopratutto se durante la gestazione si è sofferto di cloasma gravidico.

I primi bagni delle neo mamme

Se per l'esposizione al sole non ci sono particolari problemi, il bagno in mare o in piscina potrebbe invece avere qualche controindicazione per una neo mamma. Nelle prime due settimane dopo il parto sarebbe meglio non lasciarsi tentare dall'acqua, sopratutto se i punti del cesareo, dell'episiotomia o i semplici punti dovuti all'espulsione del bambino non sono ancora in fase di guarigione.

Il problema principale del fare il bagno è dato però dalle lochiazioni, ovvero quelle perdite di sangue e materiale uterino che si protraggono per diverse settimane dopo il parto. L'utilizzo degli assorbenti interni viene caldamente scoraggiato dai ginecologi per evitare infezioni e per permettere alle pareti vaginali di riprendere la loro naturale forma dopo il super lavoro del parto.

Non tutte le donne trovano gradevole o piacevole fare il bagno con addosso i normali assorbenti esterni che, in ogni caso, devono essere cambiati subito dopo l'uscita dall'acqua. A differenza del classico ciclo mestruale, il bagno non incide in alcun modo sulla durata o sull'intensità delle lochiazioni che andranno avanti finché l'utero non si sarà completamente ripulito.

Neonati e neo mamme al mare

Anche per i neonati una vacanza al mare può essere molto salutare. In passato si credeva che l'aria di mare provocasse nei bambini piccoli una eccessiva irritabilità e la permanenza nelle località marine veniva quindi sconsigliata almeno per i primi mesi.

Oggi invece è ben chiaro che non è l'aria di mare ad influire sull'umore dei neonati ma che, eventuali atteggiamenti di nervosismo, sono dovuti soltanto all'adattamento alla vita nel mondo esterno delle prime settimane. Anche per i neonati, come per le neo-mamme, occorre rispettare alcune regole per l'esposizione al sole ed i bagni in mare o in piscina.

I neonati non dovrebbero mai essere esposti alla luce diretta del sole e, anche all'ombra, devono sempre essere ricoperti da uno spesso strato di crema solare. La spiaggia è quindi assolutamente vietata nelle ore più calde, proprio come per la neo-mamma.

Il bagno in generale è da evitare, almeno finché la ferita dell'ombelico non sarà completamente cicatrizzata, ed in particolar modo quello in mare. Un'acqua eccessivamente sporca o inquinata potrebbe facilmente irritare la pelle delicata del neonato. Molto meglio una piccola piscina messa sotto l'ombrellone o un canotto riempito con acqua tiepida, per un bagnetto rinfrescante in tutta sicurezza.

Commenta
28/06/2013
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto