Home  
  
  
    Cosa succede durante il parto?
Cerca

I momenti del parto
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Cosa succede durante il parto?

Dopo nove mesi di vita intrauterina, il feto si separa dall'organismo materno. Questo fenomeno fisiologico sfocia nella nascita del bambino e si chiama parto. La sua durata è di molte ore. Il suo sviluppo fisiologico e meccanico è complesso.

Cosa succede durante il parto?
© Getty Images

Il meccanismo generale del parto

Mette schematicamente in presenza tre elementi:

  • La filiera ossea e le parti molli;
  • L'utero;
  • Il feto.

La filiera ossea e le parti molli

L'utero gravido a termine che contiene il feto è situato nell'addome. Per uscire dall'utero al momento del parto, il feto deve percorrere uno stretto canale che comprende una parte ossea, fissa, inestensibile, costituita dal bacino osseo e una parte muscolare stretta ma estensibile, costituita dai muscoli del perineo che chiudono in basso la cavità pelvica.

La filiera ossea può essere paragonata ad un cilindro a gomito aperto davanti.
È formata dal piccolo bacino limitato anteriormente dalla sinfisi pubica, lateralmente dagli ossi iliaci e posteriormente dal sacro e il coccige.
L'orifizio superiore della filiera è lo stretto superiore. È il piano di impegno della presentazione.

L'incavo nel quale scende la presentazione ha un diametro medio di 12 cm con un lieve restringimento (10,8 cm) all'altezza delle spine sciatiche chiamato stretto medio. L'orifizio inferiore (stretto inferiore) è il piano di rilascio della presentazione. Il suo diametro è di 11 cm.

La filiera delle parti molli è costituita dalla vagina, sulla quale si inseriscono le fibre del muscolo di evacuazione dell'ano e i muscoli del perineo superficiale.
Questi elementi fibromuscolari sono influenzati dagli ormoni. Si lasciano stirare e si trasformano in un tubo aperto davanti di 10 cm di diametro.

Il motore uterino

L'utero ha continuato a distendersi per tutta la gravidanza, pur mantenendo una lieve attività contrattile. A termine, è un sacco muscolare le cui pareti sono relativamente sottili.

Il segmento inferiore si forma alla fine della gravidanza in seguito alla progressiva distensione della zona istmica e della metà superiore del canale cervicale.
Quando inizia il travaglio, segnato da contrazioni percepite dalla madre, il motore uterino dovrà successivamente:

  • Cancellare il canale cervicale restante e trasformarlo in un anello flessibile;
  • Dilatare questo anello fino ad un diametro di 10 cm;
  • Espellere il feto nel tubo uterovaginale formato in questo modo.

Le contrazioni uterine del travaglio sono:

  • Involontarie;
  • Intermittenti, ritmiche e regolari;
  • Progressive nella loro durata e intensità;
  • Totali (è l'intero utero a contrarsi);
  • Dolorose: la sensazione dolorosa comincia solo dopo l'inizio della contrazione e termina prima della fine. Varia da donna a donna. L'analgesico epidurale riduce o sopprime la sensazione dolorosa.

Il feto

L'elemento non comprimibile è costituito dalla testa del feto, ovoidale, con un grande asse fronto-occipitale di 12 cm e un diametro bi-parietale di 9,5 cm.
Per poter discendere nell'incavo, la testa del feto deve flettersi. Il grande asse diventa verticale. Il diametro sottoccipito-bregmatico che corrisponde alla presentazione della testa flessa (cima) e va dal mezzo della fontanella anteriore alla base dell'occipite misura 9,5 cm.

Dalle prime contrazioni fino alla nascita del bambino, il parto durerà diverse ore. È suddiviso in tre fasi:

  • La dilatazione (delle parti molli);
  • L'espulsione (del feto);
  • Il secondamento (espulsione della placenta).

Il travaglio (sviluppo del parto) si svolge sotto monitoraggio fetale permanente per controllare il ritmo cardiaco del feto. L'effetto analgesico dell'epidurale diminuisce o sopprime la sensazione di dolore. Il team medico dispone di molti mezzi per dirigere il travaglio in modo che si svolga nelle condizioni migliori per la madre e il bambino.

Dott. Lyonel Rossant, Dott. Jacqueline Rossant-Lumbroso

Commenta
09/08/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto