Home  
  
  
    La presentazione podalica
Cerca

I momenti del parto
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La presentazione podalica

Raramente, ma accade, al momento del parto il bimbo si presenta in posizione anomala. Molti le paure, ecco le spiegazioni.

La presentazione podalica
© Getty Images

Che cos’è il parto podalico?

Un parto in cui il bambino si presenta all’ingresso del bacino con le natiche, i piedi oppure le ginocchia.

La presentazione podalica comporta uno svolgimento anomalo del parto?

In un certo senso, tale presentazione rappresenta di per sé un’anomalia; cionondimeno, l’intervento di un ostetrico esperto consente di portare a termine il parto senza alcun pericolo né per la madre né per il bambino.

Qual è l’incidenza di questo tipo di presentazione?

La si riscontra nel 3-5% circa dei parti avvenuti al termine regolare della gestazione.

In quali casi può verificarsi la presentazione podalica?

a) Quando il bacino è anomalo;
b) in caso di malformazione congenita dell’utero;
c) in caso di miomi uterini;
d) quando il cranio del feto presenta un’anomalia strutturale o un tumore;
e) quando la placenta si è disposta nella vagina a una profondità insolita;
f) in caso di parto gemellare;
g) quando il sacco amniotico contiene una quantità eccessiva di liquido.

Se il primo parto è podalico, anche i parti successivi sono destinati ad avvenire nello stesso modo?

Non necessariamente.

In quale stadio della gravidanza il feto assume la posizione podalica?

Come viene diagnosticata la posizione podalica?

a) Con esame esterno dell’addome, che porta ad accertare come la testa del feto si trovi nella parte superiore dell’utero;
b) con esame vaginale, nel corso del parto;
c) attraverso un esame ecografico.

È possibile correggerla?

Taluni ostetrici sostengono la necessità di correggere la posizione podalica, se scoperta prima che inizi il parto, mediante rivolgimento dall’esterno del feto; altri ricusano invece tale sistema, in quanto ritengono che così facendo vi siano forti probabilità di danneggiare in qualche modo il nascituro. Una volta riportato nella posizione normale, non è inoltre escluso che il feto riprenda quella podalica.

Una volta accertato che il feto ha assunto una posizione podalica, la futura madre deve recarsi in ospedale non appena avverte i primi sintomi del travaglio?

Sì, poiché la decisione riguardante le misure da adottare deve essere presa dall’équipe medica quando il parto è iniziato da poco.

Commenta
03/02/2011
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto