Home  
  
  
    Recuperare la fertilità con la chirurgia
Cerca

Fertilità e infertilità
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Fertilità femminile: come recuperarla con la chirurgia

L'impossibilità di avere figli è una situazione che provoca grande stress nella coppia e nella donna che desidera diventare madre. Attualmente è possibile diagnosticare la causa dell'infertilità nell'85% dei casi, attraverso uno studio attento dei due partner.

Recuperare la fertilità con la chirurgia
© Getty Images

La sterilità nella donna

La sterilità può essere dovuta a diversi fattori, nella maggior parte dei casi irreversibili, come ad esempio la qualità dell'ovulo della donna. E noto che gli ovuli delle donne in età avanzata hanno una capacità di fertilizzazione ridotta.

Se invece il fattore che impedisce il concepimento è legato a un'alterazione anatomica, il problema può essere risolto con un piccolo intervento chirurgico.

Attualmente, in circa il 20% delle donne con problemi di fertilità è necessario un intervento chirurgico a livello della cavità uterina perché si instauri una gravidanza.

Fertilità e chirurgia: la diagnosi

Tra i fattori di ostacolo alla fertilità femminile spiccano i polipi endometriali, i miomi sottomucosi o le aderenze note come sindrome di Asherman.

Se il ginecologo sospetta che l'infertilità sia dovuta a un difetto anatomico, consiglierà un'isteroscopia diagnostica.

Questo esame consiste nell'osservare l'interno dell'utero e del canale cervicale mediante l'introduzione di una telecamera endoscopica di 4-5 mm, che permette la visione diretta di eventuali anomalie.

Quando è consigliata la chirurgia?

Una volta ottenuta la diagnosi, la chirurgia può essere eseguita mediante isteroscopia chirurgica o con la tecnica della laparoscopia.

L'isteroscopia chirurgica è una tecnica che prevede l'inserimento via transcervicale di un sistema ottico e di un resettore. La cavità uterina viene visualizzata su un monitor.

La chirurgia della riproduzione è conservativa e riparativa. Tra le azioni più comuni vi sono l'asportazione di polipi e miomi sottomucosi, la distruzione dei focolai di endometriosi e così via.

Tuttavia, dobbiamo ricordare che le indicazioni chirurgiche sono a volte controverse, quindi gli interventi devono essere eseguiti da professionisti con un'esperienza ampia e comprovata in chirurgia riproduttiva.

D.ssa Teresa Gómez, ginecologa nella Clinica ginecologica dell'Hospital Quirón Teknon

Commenta
05/02/2015
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto