Home  
  
  
    Le mestruazioni
Cerca

I cicli mestruali: quando il ciclo è irregolare
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Cosa sono le mestruazioni normali?

Leggere, di media intensità o molto abbondanti, le mestruazioni possono durare due giorni come più di una settimana, mentre i cicli possono essere estremamente regolari o del tutto variabili. Doctissimo ti fornisce alcuni dati di riferimento per sapere se le tue mestruazioni sono normali. Si tratta di un'informazione importante, poiché la presenza di mestruazioni "anomale" può ripercuotersi negativamente sulla salute.

Le mestruazioni
© Getty Images

Negli scaffali dei supermercati o in farmacia, sulle confezioni degli assorbenti o dei tamponi sono riportati alcuni pittogrammi a forma di goccia. Il significato? Una goccia indica un sanguinamento leggero, due gocce indicano un flusso di media entità, tre gocce si riferiscono a mestruazioni abbondanti, mentre 4 o 5 gocce indicano sanguinamenti molto abbondanti. Come fai a valutare l'entità del sanguinamento? Cosa si intende per ciclo regolare e quando preoccuparsi?

Cosa sono le mestruazioni?

Le mestruazioni corrispondono, nella donna dalla pubertà alla menopausa, a un flusso di sangue, tessuti e fluidi, dall'utero. Questo fenomeno è noto come "mestruazione", parola che deriva dal latino "menses", che significa "mese" e che fa riferimento alla regolarità delle mestruazioni, il cui ciclo normale dura tra 21 e 35 giorni con una media di 28 giorni. Un ciclo inizia il primo giorno in cui compaiono le mestruazioni (flusso normale e non qualche gocciolina), la cui durata media è compresa tra 2 e 7 giorni.

Ciclo: saper riconoscere un flusso regolare

Di solito, le mestruazioni sono abbondanti i primi tre giorni e più leggere nei giorni successivi. "La perdita di sangue durante l'intero periodo delle mestruazioni è in media di 80 ml. Oltre a un volume di 100-150 ml, i sanguinamenti vengono considerati eccessivi e, nella maggior parte dei casi sono riconducibili a malattie benigne a carico dell'utero, che richiedono comunque indagini approfondite", spiega il Prof. Olivier Graesslin, segretario generale dell'Ordine dei ginecologi ed ostetrici francesi (CNGOF). In genere, il sangue scende come da un rubinetto che sgocciola lentamente, una goccia per volta. L'impiego medio giornaliero è da tre a cinque assorbenti o tamponi del formato per flussi "normali". Se il flusso è regolare, cambi l'assorbente ogni 4-5 ore nell'arco della giornata. Di notte, metti un assorbente o un tampone pulito prima di andare a letto, che cambierai la mattina seguente al risveglio. "La regola è non superare le 8 ore tra un cambio di tampone e l'altro", precisa il Prof. Olivier Graesslin.

Ciclo: il colore delle mestruazioni

Rosso sangue, rosso scuro, marrone o nero… il colore delle mestruazioni varia e non deve preoccuparti. La variazione di colore dipende dalla quantità di sangue e dalla velocità con cui scende dall'utero. Le mestruazioni possono essere fluide o caratterizzate dalla presenza di pezzi o grumi.

Ciclo: è normale sentire dolore?

Capita spesso di avvertire crampi causati dalla leggera contrazione dell'utero durante l'espulsione della mucosa uterina. I dolori sono diversi da una donna all'altra; alcune non avvertono alcun sintomo mentre altre possono provare dolori lancinanti alla pancia o in fondo alla schiena, vertigini, nausea, vomito e diarrea. Se il dolore ti impedisce di svolgere le attività abituali o è causa di risvegli notturni, riferiscilo al tuo medico.

Cosa deve preoccuparti

L'irregolarità dei cicli mestruali può dipendere da una patologia, ad esempio la "sindrome dell'ovaio policistico", che richiede una presa in carico mirata. Analogamente, se hai sanguinamenti al di fuori del periodo mestruale e, soprattutto, se sono associati ad altri sintomi come dolori pelvici, se le mestruazioni durano più di 8 giorni o sono particolarmente dolorose, vale la pena consultare il ginecologo.

Non esitare a chiedere un parere medico in caso di assenza di mestruazioni per un periodo superiore a 3 mesi consecutivi o in caso di sanguinamenti dopo la menopausa. In ogni caso, se le mestruazioni ti provocano fastidi (dolori, sindrome premestruale, flusso eccessivamente abbondante e così via), è necessario valutare la situazione con il tuo curante che, all'occorrenza, ti aiuterà a trovare una contraccezione che consenta di regolarizzare le mestruazioni e di ridurre i dolori causati dal ciclo.

Delphine Bourdet

Fonti:

Intervista al Prof. Olivier Graesslin, segretario generale dell'Ordine dei ginecologi ed ostetrici francesi (CNGOF)

Commenta
23/01/2015

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto