Home  
  
  
    Scegli il sesso del tuo bambino!
Cerca

Prepararsi alla gravidanza
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Le tecniche per scegliere il sesso del proprio bambino

Hai già 3 figlie femmine e vorresti un maschietto? Esistono delle tecniche, alcune scientifiche, altre meno fondate. Date dei rapporti sessuali, alimentazione… Su quali principi si basano questi «trucchetti» che "determinano" il sesso del nascituro? Si tratta di un antico desiderio, da sempre gli uomini sognano di poter scegliere il sesso dei loro figli. Sebbene alcuni metodi siano stati scientificamente provati, bisogna comunque tener presente che nessuna tecnica è sicura al 100%.

Scegli il sesso del tuo bambino!
© Getty Images

Prima o dopo l’ovulazione?

«Per concepire un maschietto, si consiglia di avere rapporti al momento dell’ovulazione o qualche giorno dopo (fino a 2 giorni dopo), invece per una femminuccia qualche giorno prima (fino a 5 giorni prima)…». Questo è quello che consiglia la tecnica della scelta del sesso basata sulle date dei rapporti sessuali. Ma da dove deriva questa convinzione?

Si tratta di un credenza non così priva di fondamenti poiché in effetti si basa sulle proprietà fisiche del liquido cervicale, quella secrezione biancastra e viscosa che facilita il passaggio degli spermatozoi verso l’utero.

Durante il ciclo mestruale la consistenza di questa membrana cervicale cambia. Prima dell’ovulazione il tessuto della mucosa fa da barriera agli spermatozoi e solo i più resistenti riescono a passarvi attraverso. Nei giorni di ovulazione, i fili si allentano e tutti gli spermatozoi contenuti nello sperma possono attraversarla. I "piccoli nuotatori", però, non hanno tutti le stesse proprietà…

I portatori del cromosoma X, che condurranno alla formazione di un embrione femmina, sono più lenti e più resistenti dei portatori del cromosoma Y. Poiché solo la natura dello spermatozoo determina il sesso dell’embrione, le specificità di questi gameti sono decisive.

Gli spermatozoi detentori del cromosoma Y, più rapidi, sarebbero favoriti durante i rapporti sessuali effettuati subito dopo l’ovulazione, mentre i portatori del cromosoma X sarebbero privilegiati nei rapporti avuti subito prima! Resta quindi da definire la data esatta dell’ovulazione e, per abituarti, potrai far riferimento alla curva della tua temperatura, o a un test delle urine, più affidabile.

Scegliere il sesso del bambino: la parola chiave è dieta

«Per concepire una figlia femmina, la mamma deve avere un’alimentazione ricca di calcio e povera di sale. Viceversa, per avere un maschio, si raccomanda un’alimentazione saporita e povera di potassio…» Da dove trae origine questo metodo basato sull’alimentazione?

Questa volta sono le proprietà chimiche (non più fisiche) della mucosa cervicale a entrare in gioco. Con un pH globalmente acido lontano dal periodo ovulatorio, la mucosa diventa basica durante alcuni giorni del ciclo mestruale, al fine di permettere, anche in questo caso, il passaggio degli spermatozoi per un’eventuale fecondazione. Un’alimentazione specifica della madre potrebbe modificare leggermente questo pH e favorire il passaggio di questo o quel tipo di spermatozoo. Una dieta povera di sale e ricca di calcio acidificherebbe la mucosa, garantendo così solo il passaggio dei gameti portatori del cromosoma X, più resistenti. Consuma dunque latticini, verdure a foglia verde, pesce e uova se vuoi dare alla luce una bimba. Una dieta ricca di sodio e potassio, invece, non modifica tanto il pH. Con una dieta simile, tutti gli spermatozoi tollerano l’alcalinità dell’ambiente vaginale e saranno i più veloci i privilegiati per la fecondazione. Salumi, carne e pesce affumicato assicurerebbero dunque una discendenza maschile.

E per quanto riguarda l’intensità?

Sapendo tutto ciò, non sorprenderà scoprire che anche l’intensità della penetrazione ha la sua importanza…

Una penetrazione poco profonda in periodo di ovulazione favorirebbe infatti gli spermatozoi capaci di percorrere un tragitto più lungo senza «sfinirsi». In queste condizioni, i più resistenti, detentori di un cromosoma X, potrebbero raggiungere l’ovulo per fecondarlo. Una penetrazione «normale», invece, aiuterebbe il concepimento di maschietti. In ogni caso, non dimenticare che nessuna tecnica è affidabile al 100%, e l’arrivo di un bambino ti porterà un’immensa felicità, a prescindere dal sesso!

Axelle de Franssu

Commenta
04/06/2012
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Test famiglia

Salute: sei pronta a diventare mamma?

Calcola la data del parto